Un’altra storia in punta di dita: i 4 fratelli Cactus

Cactus

Ricordate i disegni in punta di dita? E la storia dei 4 fantasmini? Oggi ecco a voi quattro nuovi personaggi nati in punta di dita!

C’erano una volta i quattro fratelli Cactus (Cactus era il loro cognome). Erano chiamati anche i fratelli “4 P”, a motivo dei loro nomi. Si chiamavano infatti: Pungente, Puntiglioso, Piccoso e Permaloso.

  • Pungente diceva cose offensive, prendeva in giro e diceva brutte parole, era un vero tormento.
  • Puntiglioso era talmente pignolo che puntava il dito contro ogni più piccolo errore o disattenzione dei fratelli. Insopportabile!
  • Piccoso e Permaloso si offendevano per qualsiasi siocchezza, figuriamoci come reagivano alle continue prese in giro e rimproveri dei loro tremendi fratelli. Rispondevano sempre a tono a ogni offesa e ad ogni critica!

Erano tutti e quattro pieni di spine, ma i primi due tendevano ad usarle per pungere gli altri, i secondi invece come un’arma di difesa!

Insomma, tra di loro l’atmosfera era sempre un po’ tesa. I litigi e i malumori erano all’ordine del giorno. Due che passavano il tempo a maltrattare, gli altri due che invece si riempivano di malumori e risentimenti.

Vivevano nel deserto, con l’unica compagnia del sole infuocato e della sabbia arida che, diciamo la verità, erano piuttosto taciturni come amici! Ogni tanto passava da quelle parti qualche cammello o qualche dromedario, ma giravano sempre alla larga, vedendo che loro quattro erano sempre arrabbiati e sgradevoli.

Così la loro vita era molto grama e triste. Finalmente un giorno capirono che il loro comportamento li danneggiava tutti e che se avessero provato a correggersi sarebbero stati più felici.

Siccome per fare pace non potevano abbracciarsi (si sarebbero solo fatti male, con tutte le spine che avevano), l’unica possibilità era fare buon uso delle parole!

Così, pian piano, avvenne una trasformazione e cambiarono anche nome:

  • Pungente diventò Pacifico, non offendeva più, ma diceva parole buone e amorose.
  • Puntiglioso diventò Preciso, sempre molto attento, ma senza rendere la vita impossibile agli altri.
  • Piccoso diventò Positivo, e invece di piccarsi subito, cercava di distrarsi pensando a cose belle.
  • Permaloso diventò Paziente, e invece di arrabbiarsi subito, cercava di mantenere la calma.

In breve, pur non potendo eliminare le loro spine, che facevano parte della loro natura, impararono a convivere pacificamente e serenamente. Divennero così amabili, che ben presto i cammelli e i dromedari che passavano di lì non giravano più al largo da loro, ma vedendo com’erano simpatici, si fermavano volentieri a scambiare due parole. Sembrava persino che il sole scottasse di meno, e che la sabbia fosse meno arida. Il cambiamento che era avvenuto in loro aveva migliorato anche l’ambiente circostante! Da allora i quattro fratelli Cactus vissero per sempre felici e contenti.

Annunci

6 pensieri riguardo “Un’altra storia in punta di dita: i 4 fratelli Cactus

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...