Cambiamenti, stili di blog, veglie e caffellatte

fall words and images

Cambiamento VS miglioramento

Il cambiamento a volta incute timore. Ultimamente ho letto un interessante articolo (qui) utile per superare la paura di almeno un certo tipo di cambiamenti, quelli che riguardano noi stessi. Invita a pensare al cambiamento come ad un miglioramento: non un abbandono totale del vecchio modo di essere o comportarsi, bensì l’implementazione di nuove risorse. Secondo me anche osservare la natura aiuta: ci sono mutamenti inesorabili da una stagione all’altra. E anche l’autunno, teoricamente una stagione triste, porta cambiamenti meravigliosi, come le foglie che da verdi diventano dorate. 

Stili di blog

Oltre a scrivere un blog, sono anche una lettrice di blog altrui. Noto che ci sono alcuni stili prevalenti, alcune tendenze ben rilevabili. Non saprei in quale stile/genere potrei identificarmi. Voi lettrici/lettori come classifichereste il mio blog? Ho scelto di non renderlo un blog troppo intimistico, non volevo una sorta di diario. Ma penso che qualcosa di me trapeli comunque anche dai miei articoli più impersonali. Spero trapelino soprattutto l’attenzione e la passione che metto nella cura del mio spazio sul web, pur con tutti i miei limiti da “blogger amatoriale“.

Le veglie di un tempo

Mia nonna mi raccontava che un tempo, in campagna, quando le giornate si accorciavano e si interrompevano presto i lavori all’aperto, le sere sembravano ben lunghe, e si vegliavariuniti intorno al focolare. Sapendo di queste “veglie”, sono rimasta colpita da un volume che mi è capitato casualmente in mano: “Il dottore della villa su tutti i principali oggetti dell’agricoltura, data alla luce per comun vantaggio dall’abate D. Angelantonio Rastelli”. E’ suddiviso non in capitoli, ma in veglie, perché si proponeva di essere letto proprio durante le veglie serali“. Considerando che risale al XIX secolo, è encomiabile l’intento di istruire i contadini, anziché limitarli all’esecuzione di ordini o alla ripetizione di mansioni consuetudinarie.

Il caffellatte

Credevo di sapere cosa fosse il caffellatte. A casa, una tazza di latte col caffè della moka. E, al bar, un equivalente del latte macchiato, ma senza schiuma. Alcuni siti “autorevoli” (tipo questo) confermano questa opinione. Ma l’estate scorsa mia suocera in albergo ha ordinato il caffellatte e le hanno portato una tazza di latte con caffè d’orzo a parte. Volendo approfondire l’argomento, ho “intervistato” il cameriere di un altro albergo: lui come caffellatte serve una tazza di latte con caffè americano a parte. Insomma: attenzione quando ordinate il caffellatte, chissà cosa vi daranno!

Annunci

9 pensieri riguardo “Cambiamenti, stili di blog, veglie e caffellatte

  1. Il tuo blog è moda/cucina/attualità/famiglia.
    E un pizzico di te, anche se giustamente non hai voluto darne un taglio troppo “personale”.

    Da noi al bar fanno: mocaccino, macchiatone, pure il marocchino che io non ho la più pallida idea di cosa sia.

    Mi piace

  2. I cambiamenti e le novità mi mettono sempre un po’ di agitazione. Sono una pessimista e quindi tendo sempre a buttarmi un po’ giù e non a prendere di petto tutto ciò che è nuovo. Ma il caffellatte….quello vero che si fa la mattina a colazione con il latte e il caffè della moka non cambia mai. Buon weekend

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...