Lavare stracci, spugne e piumino per spolverare

stracci.jpg

Chi mi segue su Facebook avrà notato che a febbraio ho inaugurato una piccola iniziativa chiamata “Special tasks of the month“, in cui propongo due obbiettivi speciali per la casa sui quali focalizzarsi ogni mese, in aggiunta alle pulizie di routine. Il primo appuntamento è stato dedicato proprio all’armadietto delle pulizie. Il motivo? Quando si tratta di pulire, ritengo fondamentale che siano puliti e in ordine innanzitutto gli strumenti che utilizziamo! Da lì è nata l’idea di dedicare un articolo al lavaggio di stracci e affini

Mantenere panni e stracci da pulizia in buone condizioni è necessario; se non li laviamo, ben presto accumulano lo sporco e lo trasportano in tutti gli angoli della casa. L’ideale sarebbe occuparsene subito dopo l’uso.

Come lavare stracci e spugne

Ognuno ha i suoi metodi per ripulire stracci, spugne e panni vari. C’è chi li lava semplicemente a mano con acqua e detersivo o sapone di Marsiglia. Chi li lascia in ammollo per alcune ore in acqua e ammoniaca. C’è persino chi li passa in lavastoviglie o nel microonde! Sono certa che ognuna di queste teorie abbia un fondamento…

Io preferisco lavare stracci e spugne in lavatrice. E’ più veloce dell’ammollo prolungato in acqua e ammoniaca. E sicuramente la macchina garantisce una pulizia più profonda rispetto al semplice lavaggio a mano.

I panni per pulire possono essere di vari materiali – come vedete dalla foto in alto, dove vi mostro una selezione dei miei: microfibra, spugna, cotone… Fare lavatrici separate per ogni tipo sarebbe uno spreco, mentre aggiungere gli stracci sporchi al resto del bucato è – ovviamente – controindicato. Per poter fare un’unica lavatrice per tutti gli stracci, imposto la temperatura a 40° C.

Una temperatura più alta garantirebbe maggiore igiene, ma rovinerebbe alcuni stracci che, stando alle indicazioni sulla confezione, andrebbero lavati addirittura a 30°C! Seleziono il programmarapido” da 20 minuti – il ciclo più breve (ma energico) della mia lavatrice. Oltre al detersivo, verso nella vaschetta anche un goccio di candeggina. Dopodiché stendo gli stracci e aspetto che siano perfettamente asciutti prima di riporli.

Come lavare il piumino per spolverare

Passiamo ora al classico piumino per spolverare! Non basta sprimacciarlo ogni volta che si utilizza: nel tempo accumula troppo sporco. A differenza degli stracci, il piumino non può essere lavato di frequente – altrimenti avrebbe vita breve! – ma ogni tanto si può fare.

piumino.jpg

Io faccio così. In un recipiente metto acqua e detersivo per delicati. Poi, a mano, passo questa soluzione sulle setole, senza andare contropelo e senza bagnare del tutto il piumino. Poi lo risciacquo, piuttosto velocemente, sotto il rubinetto – sempre cercando di non bagnarlo del tutto. E infine lo appendo all’ingiù ad asciugare.

Tenete conto che il piumino impiega più tempo dei normali indumenti ad asciugare… E vedendolo così appeso, tutto bitorzoluto, sembra irrimediabilmente perso! Ma abbiate fede: quando finalmente si asciuga, basta sprimacciarlo per vederlo risorgere, bello vaporoso, come nuovo, e piacevolmente profumato!

Sono semplici e modesti consigli basati sulla mia esperienza personale; spero li troviate utili. Aggiungete pure i vostri nei commenti!

Annunci

22 thoughts on “Lavare stracci, spugne e piumino per spolverare

    1. Grazie, sono lieta che ti possa dare qualche spunto! Io li ho sempre lavati in lavatrice, contando sul fatto che prevede questo ciclo breve da 20 minuti di cui parlo nel post. So che qualcuno li sciacqua soltanto nell’acqua, e dopo pochi utilizzi li butta via perché sono già troppo sporchi e inutilizzabili… Però con quello che costano è un peccato secondo me! 🙂

      Liked by 1 persona

  1. Consigli che sembrano scontati ma sono invece utilissimi, di mio gli stracci e strofinacci li laverei dopo ogni uso, ma sarebbe uno spreco atroce e cerco di limitarmi.
    Però ti posso garantire che non sono poche le persone che credono che “visto che ci spruzzo il detergente, già li lavo/disinfetto”, ma forse non considerano che dopo il detergente ci appiccichi su anche tutto lo sporco che togli!

    Liked by 1 persona

      1. Vero, verissimo, anche se l’odore è il meno, considerando che alla fine pensi di pulire e invece distribuisci batteri 😦
        Un giretto il lavatrice invece, oltre a far divertire i panni secondo me, ci permette di pulire davvero in maniera sicura!

        Liked by 1 persona

  2. Ciao,
    articolo interessantissimo, complimenti!
    Ti avverto, ho ribloggato il tuo articolo sul mio blog per farti un pò di pubblicità e perchè mi sembra un articolo davvero interessante. Ti propongo un gemellaggio col mio blog negatoperlacasa.wordpress.com
    Contattami presto!

    Mi piace

      1. Per gemellaggio intendo che possiamo aggiungere ai nostri articoli dei link che rimandano al blog gemellato, oppure ribloggare articoli e altro ancora.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...